comune comune
invia/condividi stampa feed rss

Posta Elettronica Certificata

pec

Attenzione:  Utilizzare l'indirizzo di posta certficata solamente se si è in possesso di una propria casella PEC e solamente se E' NECESSARIO avere la ricevuta di ritorno (altrimenti utilizzare il normale indirizzo info@comune.rivadisolto.bg.it)

Tutte le mail provenienti da caselle di posta elettronica ordinaria verranno RIFIUTATE dal server di posta e rispedite al mittente.
Il Comune di Riva di Solto ha attivato la casella di posta elettronica certificata (PEC) per velocizzare le procedure amministrative con il cittadino, le imprese e gli altri enti.

La Posta Elettronica Certificata (PEC) è uno strumento che permette di dare ad un messaggio di posta elettronica valenza legale (lo stesso valore cioè di una Raccomandata con ricevuta di ritorno tradizionale).

Il valore legale è assicurato dai gestori di posta PEC del mittente e del destinatario che certificano:

  • data e ora dell’invio del messaggio dal parte del mittente;
  • data e ora dell’avvenuta consegna del messaggio al destinatario;
  • integrità del messaggio (e eventuali allegati) nella trasmissione da mittente a destinatario.

I messaggi di "ricevuta" di accettazione e/o consegna sono firmati digitalmente e vanno conservati come prova (alla stessa stregua della ricevuta e cartolina di ritorno in una normale raccomandata A/R). Nel caso in cui il mittente smarrisca le ricevute, la traccia informatica delle operazioni svolte, conservata per legge per un periodo di 30 mesi, consente la riproduzione, con identico valore giuridico, delle ricevute stesse.

Solitamente l’invio dei messaggi attraverso la PEC viene effettuato da coloro (privati, imprese e enti pubblici) che hanno l'esigenza di inviare e ricevere comunicazioni, documentazione o allegati in modo sicuro, con attestazione di invio e di consegna.

L'invio e la ricezione di un messaggio di PEC hanno valore legale solo nel caso in cui sia il mittente che il destinatario siano dotati di una casella di Posta Elettronica Certificata.

Al fine di rendere questo strumento utile ed efficacie è necessario che venga utilizzato correttamente solo per quelle comunicazioni che effettivamente lo richiedono.

SI CONSIGLIA QUINDI:

  • Di usare questo indirizzo solo se si è in possesso di una propria casella di Posta Elettronica Certificata
  • Di usare questo indirizzo solo se il documento inviato è di importanza tale che, nel caso di spedizione tradizionale, lo si sarebbe inviato con Raccomandata con ricevuta di ritorno.
  • DI NON USARE la Posta Certificata se si vuole inviare semplice materiale informativo, richieste generiche ecc.
  • DI NON USARE questo indirizzo se non si è in possesso di una casella di Posta Certificata propria: iin questo caso tutte le mail inviate verranno RIFIUTATE dal server di posta e rispedite al mittente.

Tutto ciò premesso, quindi:

  • Se si ritiene di aver necessità di una ricevuta di ritorno legalmente valida e si è in possesso di una propria casella di Posta Certificata è possibile inviare alla casella di Posta Certificata comune.rivadisolto@pec.regione.lombardia.it dell'amministrazione
  • se si ritiene invece di non aver necessità di una ricevuta di ritorno o non si è in possesso di una propria casella di Posta Certificata è possibile inviare alla casella di Posta Ordinaria info@comune.rivadisolto.bg.it dell'amministrazione
  • Se non si è in possesso di una propria casella di Posta Elettronica Certificata e si necessita di una ricevuta di ritorno è necessario utilizzare la tradizionale posta Raccomandata Cartacea

NB:  Accettando di utilizzare la propria Posta Elettronica Certificata per richieste alla Pubblica amministrazione il cittadino elegge un proprio “domicilio informatico” presso l'indirizzo di posta elettronica e accetta di ricevere tutta la corrispondenza a lui indirizzata dalla pubblica amministrazione a questo domicilio.

Il servizio ha tutti i requisiti della raccomandata con A/R cui si aggiungono notevoli vantaggi sia in termini di tempo che di costi ma “non è necessaria la presenza del destinatario per completare la consegna”. Con la PEC il mittente ha in mano una ricevuta con valore legale anche se il destinatario non ha mai letto il messaggio arrivato sulla propria casella. Per intenderci, ritornando al riferimento con la vecchia raccomandata con A/R, è come se il valore legale fosse attribuito al postino che viene a recapitarci la lettera e non alla nostra firma di accettazione della stessa.

Suggerimenti operativi:
Nell’inviare un messaggio attraverso PEC è consigliato utilizzare il testo della e-mail come se fosse la busta e inserire il vero contenuto del messaggio (sia esso semplice testo e/o un documento) come allegato e non direttamente nel testo.

Per maggiori informazioni e approfondimenti si consiglia di visitare il sito del CNIPA (Centro Nazionale per l’Informatizzazione della Pubblica Amministrazione)